Storie

Stefano conticelli emblema dellartigianato made in italy a porto cervo
Home / Storie / 
Stefano Conticelli: emblema dell'artigianato Made in Italy a Porto Cervo
 

Stefano Conticelli: emblema dell'artigianato Made in Italy a Porto Cervo

16-08-2016

Questa storia inizia 8 anni fa con un camioncino in legno e tela grezza spinto dalle docili mani di un bambino. Mani così diverse da quelle di un artigiano, plasmate dal tempo e dagli strumenti del mestiere, ma dotate, in realtà, della stessa forza vitale. Quel camioncino, infatti, non si è più fermato. 

"Avevo perso il lavoro, ero disperato - racconta Stefano Conticelli- quando un giorno mi presentai dal mio nipotino,Tommaso, con un camioncino fatto a mano. Era il suo compleanno. Fu in quel preciso istante che tutti i bambini lasciarono la loro console per giocare con il camioncino che avevo realizzato. Nella drammaticità del momento che vivevo capii che quel bambino mi stava mandando un messaggio. Decisi, quindi, di coglierlo, inviando a delle riviste il seguente quesito: "è possibile che dei bambini riescano a percepire l’amore contenuto in un oggetto così semplice, ma unico perché realizzato esclusivamente per loro?"

E così, in poco tempo, si comincia a parlare di questo artigiano dagli occhi di ghiaccio, le cui mani, però, plasmano la pelle, il legno e il ferro con il calore della passione per il proprio lavoro. Da quest'anno, oltre alla bottega di Orvieto (TR), Stefano è anche alla Promenade du Port perché, come lui stesso ha scritto navigando verso la Sardegna, "nelle isole approda il mondo bello, e il mondo bello è quello che noi vogliamo esplorare".

Le sue creazioni sono il frutto dell'artigianato più autentico, quello che passa di generazione in generazione come il bene più prezioso. È proprio per questo, infatti, che il suo sogno è quello di aprire una scuola dove veder fiorire tanti giovani artigiani a cui insegnare i segreti del mestiere. Perché, in fondo, lui lo sa, tutti abbiamo bisogno del bello e, citando Dostoevskij, è la bellezza che salverà il mondo.